November 5, 2018

Psiconanalisi Freudiana

La psicoanalisi freudiana non valorizza né svalorizza la sofferenza, ma cerca di trasformarla in motore di creatività, di convertirla in atto: atto creativo, aumento della potenza di agire, gioia (laetitia), secondo l’accezione spinoziana. Poter lavorare e godere della vita, scrive Freud: ecco uno degli scopi della cura e, quando ci si riesce, l’analisi non è stata sicuramente inutile! Silvia Lippi, Freud, Feltrinelli

January 24, 2018

La Psicoanalisi e la Felicità Umana

Le scienze della contemporaneità, comprese quelle cognitive e le cosiddette neuroscienze, ritengono di sapere tutto su come un essere umano debba essere e su come debba fare per raggiungere la felicità, come se questa potesse essere preconfezionata attraverso formulazioni e "ricette" valide per tutti e offerta a chiunque ne faccia richiesta. La psicoanalisi invece insegna che Il soggetto può incontrare la propria felicità solo lungo quella via soggettiva e particolare che lo raccordi alla "singolarità" del suo desiderio. Read more

January 23, 2018

Il Sintomo in Psicoanalisi

Il sintomo è la via di accesso alla psicoanalisi o ad una psicoterapia ad orientamento psicoanalitico, in quanto rappresenta la sofferenza che “morde nella carne e nella mente” della persona che ne soffre. Generalmente, prima ancora di rivolgersi ad uno psicoanalista/psicoterapeuta, il soggetto intuisce che il sintomo gli dice qualcosa che va al di là della sofferenza che esso porta, dandosi spesso una pre- interpretazione, vera o falsa che sia. Il sintomo “parla” dunque. Read more

January 22, 2018

Il Cambiamento in Analisi

In analisi il cambiamento non significa arrivare ad essere qualcosa che ancora non si è, quanto diventare quello che già si è. In un certo senso possiamo dire che l’obiettivo del lavoro analitico non lo si trova nel futuro, ma nel passato, non consiste nel far accadere qualcosa che non è ancora accaduto, ma nel riprendersi ciò che è già avvenuto. Il tempo dell’analisi non è allora tanto il tempo di un cambiamento che deve ancora darsi, quanto il tempo che si passa a tentare di disconoscere un cambiamento che è già avvenuto nel momento stesso in cui il paziente si rivolge all'analista. Read more

January 22, 2018

L'Impossibile dell'Analisi

Freud definì la psicoanalisi come una delle tre professioni impossibili. Perché? Perché si rese conto che l'analisi procede contro un impossibile. L'impossibile della pulsione di morte che si oppone al cambiamento e che Lacan chiamerà godimento, godimento nel reale, intendendo con ciò quello che non vuole saperne di guarire. Il compito dell'analista è allora di tentare di riportare nel possibile di un cambiamento questo impossibile. Cosa non facile, ma non impossibile, altrimenti un'analisi non avrebbe ragione d'essere. Read more